martedì 27 gennaio 2009

27 gennaio, giorno della memoria

http://it.youtube.com/watch?v=IyVG9cPLCP4&feature=related

Son morto con altri cento, son morto ch' ero bambino,
passato per il camino e adesso sono nel vento e adesso sono nel vento....

Ad Auschwitz c'era la neve, il fumo saliva lento
nel freddo giorno d' inverno e adesso sono nel vento, adesso sono nel vento...

Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio:
è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento, a sorridere qui nel vento...

Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello
eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento, in polvere qui nel vento...

Ancora tuona il cannone, ancora non è contento
di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento e ancora ci porta il vento...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà e il vento si poserà...

( Francesco Guccini, " la canzone del bambino nel vento" )

5 commenti:

Dida70 ha detto...

grazie ...
ti abbraccio
dida

Geillis ha detto...

questa canzone è sempre bellissima, le parole sono spine nel cuore

Lo ha detto...

grazie Elle...ti linko nel mio post...per unire la voce di tutti...l'anno scorso avevo fatto un post ma non avevo notato la stessa partecipazione...forse qualcosa è cambiato...un abbraccio

Puccina ha detto...

Hai fatto bene a scegliere la versione di Guccini rispetto a quella dei Nomadi. E' decisamente più bella.
Ti mando un bacione gigante! ;)

Maledette poste, il pacco non è ancora arrivato, grrrr...

unika ha detto...

Ti ringrazio per gli auguri e aspetto con gioia la tua torta:-) un bacio
Annamaria