martedì 24 marzo 2009

Spaghetti con seppie, olive nere, pane e pinoli

Spaghetti con seppie, olive nere, pane e pinoli

il sugo, preparato con passata di pomodoro casalinga, seppie ed olive nere

il "crostino" intinto nel sughetto

il crostino, affettato prima a bastoncini..

.. e poi a quadretti, viene, poi,

saltato con i pinoli

spaghetti spadellati, prima dell' aggiunta di pane e pinoli. A questo punto, ho tirato su la mia porzione

aggiungo agli spaghetti il crostino ed i pinoli

gli spaghetti spadellati con seppie, olive, pane e pinoli

il piatto finito


ovvero.. piano piano, riprendo la retta via.

Eh sì, non è facilissimo, per me almeno, riprendere ad alimentarmi senza proteine animali di botto.
Ieri sera in frigo c' erano 3 fette di seppia farcita (mia suocera, domenica, ha notato che mi fosse piaciuta tanto, ed ha chiesto al proprietario del ristorante, amico suo e di mio suocero da anni, se potesse darmi le fette avanzate in un contenitore... cosa che ho molto apprezzato, ma che non avrei il coraggio di chiedere, mi vergognerei troppo!), ed andavano consumate necessariamente..
infatti, c'è una cosa su cui Vito ed io non transigiamo, per quanto riguarda l' alimentazione, ed è la regola del "non si butta via il cibo".
Tre fette di seppia, però, non sarebbero bastate per cenare in due.. allora, soprattutto perchè a pranzo Vito aveva mangiato solo un panino per starmi accanto, gli ho chiesto di riempire d' acqua la pentola per la pasta, e di metterla sul fuoco.
Nel frattempo, ho tagliuzzato a coltello le fette di seppia e le ho messe in una padella con due fettine d' aglio essiccato, ho scaldato il tutto ed ho aggiunto un po' di passata di pomodoro ( facciamo "le bottiglie", in agosto, ed infatti ho usato mezza bottiglia- di quelle piccole, da 33 cl- di passata fatta in casa) e delle olive nere di Gaeta. Ho cotto per una decina di minuti ed ho messo da parte.
Nel frattempo, mentre Vito seguiva la cottura degli spaghetti, ho preparato uno " sfizio": una fettina di pane abbrustolito, intinto velocemente nel sughetto e poi tagliato a quadrettini e saltato in poco olio e pinoli.
A cottura della pasta, l' ho spadellata nel sugo e, dopo aver tirato via la mia porzione, ho aggiunto pane e pinoli in padella con la pasta, ho fatto insaporire 1 minuto e ho impiattato per il sant' uomo.
Devo dire che c'è piaciuta molto, questa pasta... ci ha ricordato la Sicilia :-)

10 commenti:

paola ha detto...

anche a casa nostra vige la legge "non si butta via niente" e direi che alla fine vengono sempre fuori dei piattini sfiziosi!!
questa pasta è davvero stuzzicante...considerando che io a pranzo ho mangiato solo un piatto di penne olio e parmigiano!
un abbraccio

manu e silvia ha detto...

che bontà questi spaghetti! non abbiamo mai provato l'aggiunta del pane ed i pinoli, ma rimedieremo perchè devono rendere il piatto davvero speciale!bacioni

Elle ha detto...

@ Paola :-) noi a pranzo, oggi, abbiamo mangiato pasta con iselli e funghi.. ed ho gà cucinato anche per stasera: Kamut all' ortolana.
Così mi son risolta anche la cena ;-)
Un abbraccione anche a te

@ Manu, Silvia, sì, il sapore cambia del tutto.. ne ho assaggiato una forchettatat dal sant' uomo, ieri sera e.. volevo fare il cambio- piatto :-)) Ma erano davvero già troppo conditi, per me :-) baci anche a voi!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

wow che fame!!!!!!
Va beh mi ricompongo ;-)))

Ok va bene puoi linkare post con citazione anzi GRAZIE per esserti offerta di farlo

Daniele

Elle ha detto...

@ grazie, Daniele :-)

Claudia ha detto...

Mamma mia!!!! e tu me vieni a dire che i miei paccheri son ottimi.. e tu con questa ricetta che mi stai facendo praticamente sbavicchiare sulla scrivania!!!!?? è buonissima.... adoro le seppie .-)))))

Luca and Sabrina ha detto...

Uno spettacolo questi spaghetti! Appena abbiamo visto il sughetto, il primo pensiero è stato: che bello farci la scarpetta! Poi seguito le fasi della tua preparazione e vogliamo dirti che con quelle tre fette di seppie (buone le seppie!) hai davvero tirato fuori un gran piatto dal tuo cilindro magico. L'idea del pane fa leccare i baffi a Luca, i pinoli con quel loro tocco croccante anche a noi piacciono molto e li utilizziamo abbastanza spesso nei primi piatti, tanto che quando andiamo al supermercato e passiamo davanti allo scaffale dove sono esposti, anche se sappiamo che a casa ne abbiamo un po', li compriamo lo stesso. E' bello il quadretto che hai dipinto, di te e Vito davanti ai fornelli, noi personalmente troviamo molto più romanticismo in questo che in un mazzo di rose.
Ti abbracciamo
Sabrina&Luca

Daffy ha detto...

Caspita... ci resto sempre quando leggo queste cose... vè come nascono le ricette... :D Comunque sono d'accordo... anche la mia nonna papera mi ha tirato sù con "prendi quello che vuoi ma mangia tutto quello che prendi"...
...la mia pancetta tondeggiante ringrazia :S

Elle ha detto...

@ Claudia.. anch' io le adoro.. ma oggi avrei cambiato la mia past e piselli con i tuoi paccheri :-)) Un bacione!

@ Sabrina e Luca, grazie per i vostri complimenti.. è che, sminuzzandole, ne avremmo potuto mangiare entrmbi.. il sant' uomo mi avrebbe sicuramente ceduto la sua parte, se non avessi fatto così :-)
Mi piace tanto cucinare con Vito, anche se lui dice che a volte sono insopportabile, perchè gli chiedo di fare una cosa e poi.. la faccio io :-))))
Un abbraccione a voi!

@ Daffy, ma come? mi prendi sempre in giro sulla mia cucina degli avanzi! :-))) Era ottima. ( sulla pancetta tondeggiante.. non ti vedo da un po', ma credo che tu menta, "sapendo di mentina" ehehehe)

Lory ha detto...

Anche da me non si butta niente. E' peccato!!
Elle questi spaghetti sono una sinfonia!!