martedì 3 marzo 2009

Una stella

C'è un momento, nella nostra vita, in cui crediamo che sia tardi per ogni cosa... e, quando nella realtà di quei giorni, questo senso di angoscia ci assale, tutto ci appare misero, scontato... e ci lasciamo trasportare come foglie morte... diafane... silenziose.
Mentre camminiamo consapevoli che la nostra esistenza si sta perdendo a poco a poco, talvolta, un piccolo fuoco ci strappa ancora un sorriso... a fatica... ma dentro, quel sorriso non c'è realmente... lo inventiamo per continuare ad essere... e, per un po', è lui la nostra anima.
Ho conosciuto il bene ed il male... l'indifferenza, e solo un po' d'amore... Quello che avevo l'ho donato spesso senza pensare... qualche volta è tornato dipinto con nuovi colori... altre volte si è perduto per strade sconosciute, o è scappato senza far rumore... pieno di vergogna.
Un giorno però... non troppo lontano nel tempo, qualcosa è accaduto... d'insolito, strano... Ho scoperto di avere ali per volare e mi sono librata nell'aria... Il vento mi ha portato lontano, verso un luogo che non conoscevo... diverso da ogni posto in cui ero stata... eppure, sebbene distante... ero lì, sui miei stessi pensieri, sulle mie solite strade... Non erano loro ad essere cambiate... qualcosa in me lo era, per sempre... Allora, trovai su quel cielo una piccola stella... tante volte sognata... e, lo ammetto, me ne appropriai senza timori, la nascosi tra i miei giorni per poterla ammirare in ogni istante... e, da quel tempo... la portai sempre con me in ogni dove. All'inizio piccina, crebbe nel mio cuore fino ad occuparne ogni spazio... fino a scandire essa stessa il suo battere. Ora, non distinguo più la sua luce da quella del mio essere.. e nulla è più tardi per me... solo il presente rimane... Non passa giorno che non mi fermi ad ascoltarla, ad ammirare il suo bagliore... così vivido e intenso... e, quando spesso riposa... m'affanno a cercarla nel petto... o guardo nel cielo... pensando vi sia ritornata, a confondersi tra tante... e un po' di paura, o tanta, alle volte, mi assale. Allora, quando sento il suo bisogno di tornare accanto alla sua luna, apro le ali e la porto lassù... per un poco... perché anche gli altri possano vederla brillare... anche se io la vorrei tutta per me... ad illuminare ogni mio attimo...
Stasera ho aperto la finestra ed ho guardato la notte... ho ascoltato il suo scandire il mio tempo... ho sorriso... non lo faccio poi così spesso, ormai... Le mie parole sono volate su quella sabbia chiara... di luna... ed hanno disegnato il domani... E lassù nel cielo, c'era ancora un piccolo foro... pieno di eternità... e mentre lo guardavo in silenzio... ho sentito una gioia immensa... la sua.
E di quella felicità... ne ho rubata una briciola... una sola.. tanto mi basta per chiudere gli occhi serena, su questa notte strana... fatta di una donna nuova, di una bimba... che stanotte sognerà sorrisi...che domani si sveglierà... cercando assonnata la sua stella tra i pensieri...

11 commenti:

Kitty's Kitchen ha detto...

Elle, io in te vedo davvero un grande talento per la scrittura e una grande profondità interiore.
Hai pensato mai di pubblicare una racconta di questi tuoi scritti-poesie? complimenti bellissime parole.

Elle ha detto...

Grazie, tesora :-)
e.. no, non vorrei pubblicare questi scritti.. sono troppo " miei" :-)
Buongiorno ( notte insonne, sgrunt)

Lo ha detto...

tesoro splendido e solare...un sole fatto della gioia di stelle e di lune....adoro il tuo sorriso: è prezioso ti abbraccio

pagnottella ha detto...

La tua profondità d'animo è eccezionale!
Mi ha colpita tanto questo tuo racconto di vita...Son poche le cose lette che provocano brividi...
Stamane li ho avvertiti!
Ti abbraccio col cuore...

Dida70 ha detto...

buongiorno stellina mia!
e buona giornata ...
ti abbraccio forte
dida

Mirtilla ha detto...

che pensieri stupendi ;)

Elena ha detto...

Questo tuo scritto è stupendo, anche io sono dell'idea di farne una raccolta...saranno tuoi ma è un piacere se li condividi con noi. Un abbraccio

Daffy ha detto...

Quack! ...so che sei lontana da casa per un ciclo di esami e che non potrai leggere o rispondere ancora per qualche giorno... ma come si fà a non commentare? :)

Se c'è una cosa che ti invidio è proprio questa capacità di sognare, di mettere per immagini i moti d'animo... in queste notti scure di pioggia i paperi neri non volano (perlomeno, così mimetici come sono, per non essere travolti dai jet di passaggio)... mentre, evidentemente... lo fanno le vegolose ...con i loro sogni.

In attesa di rileggerti... resisti!

unika ha detto...

mi hai emozionato...ti abbraccio forte forte:-)
Annamaria

Dida70 ha detto...

sister:) ... ho ricevuto il tuo sms solo ora ... ieri il cell è stato spento ... non ho carica per poterti chiamare ... proverò oggi dal lavoro a casa tua se sei tornata! che dirti se non che ti voglio bene e ti abbraccio forte!
dida

Elle ha detto...

@ tutti, grazie :-) vi regalerò qualche altro scritto, se proprio vi piacciono così tanto :-)